Il nostro blog

Rinite allergica o raffreddore? Come riconoscerli

Rinite allergica o raffreddore? Come riconoscerli

22 dic 2020

La rinite allergica, conosciuta anche come "raffreddore da fieno", è una infiammazione delle mucose nasali causata da un allergene che porta a una reazione impropria del sistema immunitario che, nel tentativo di combatterlo (riconoscendolo quindi come agente dannoso per l’organismo) produce anticorpi.

Il raffreddore è, invece, una malattia infettiva dovuta alla contrazione e proliferazione di un virus all’interno delle mucose nasali, che porta l’organismo ad aumentare la produzione di muco per espellere il virus, portando ai sintomi, quali congestione nasale e difficoltà respiratorie, classici del raffreddore.

Come distinguerli

Seppure i sintomi della rinite allergica sono molto simili a quelli del raffreddore, esistonio alcune differenze sostanziali che possono aiutare nel distinguere i due disturbi.

Come anticipato, possono causare entrambi congestione nasale, naso che cola e starnuti.

Nel caso di rinite, però, si avverte prurito, localizzato agli occhi, al naso e, in alcuni casi, alle orecchie e alla gola , sintomi sicuramente meno frequenti nel raffreddore.

In quest’ultimo troviamo invece sintomi come dolori articolari, febbre e mal di gola che non sono solitamente afferenti alle riniti allergiche.

Durata dei sintomi

I sintomi di allergia possono durare per tutto il tempo in cui si è a contatto con l'allergene, come nel caso delle allergie da polline, che possono durare per un'intera stagione, e le allergie da animali domestici o alla polvere, che persistono per tutto il tempo in cui l’individuo è esposto al pelo dell’animale o alla polvere stessa.

I sintomi del raffreddore, che possono essere provocati da virus diversi, generalmente, durano un paio di giorni e, spesso, vanno via del tutto nel giro di una settimana.

Quando i sintomi persistono, potrebbe quindi trattarsi di rinite allergica ma, per accertarsi del proprio stato di salute, potrebbe essere meglio consultare il proprio medico curante che, raccogliendo tutte le informazioni necessarie, potrà capire se il raffreddore è di matrice virale o allergica e, in quest’ultimo caso, suggerire una visita specialistica con il medico allergologo.

Ci teniamo a ricordare che, pur avendo alcuni sintomi in comune, sinusite e rinite non sono due situazioni da confondere: la sinusite, infatti, è un’infiammazione dei seni paranasali ed è piuttosto può una conseguenza della rinite allergica, quando non adeguatamente curata.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

Lascia un commento
Ho letto ed accetto la Privacy e Cookie Policy